pranzo d’artista

Quello che mangio

Il pranzo dell’artista 29 giugno 2016

Mi pare chiaro che non abbia mangiato solo melone e aperitivo ma ho pensato che le uniche cose degne di essere postate fossero queste! Se non lo avete mai provato fate il melone a dadini e conditelo con timo fresco (che è fondamentale per la riuscita dell’insalata di melone), sale e pepe… Ovviamente olio extravergine di oliva!

Per quanto riguarda il cocktail improvvisato ho riempito quasi il bicchiere di Mateus ci ho messo a pezzettini una peschina  acerba del giardino, l’alberino non si sa se sopravviverà… Per questo l’ho colta! Poi ho aggiunto un pochino di Martini bianco. Un cucchiaino di zucchero di canna e stop! A me sembra buono…

Il pranzo dell’artista: Penne ai petali di rosa.

10 maggio 2016

Poiché ho avuto una mattinata devastante a livello emotivo in cui avrei potuto uccidere qualcuno ho deciso di farmi un regalino per il pranzo…

Qualche petalo di rosa del mio giardino dovrebbe addolcirmi la bocca da una mattinata infame, semplice pasta all’olio con un po’ di pepe e petali.

Il pranzo dell’artista 5 aprile 2016

   
 
Oggi pranzo al mio studio, mi sono organizzata con melanzane cotte al microonde con sale alle erbe, olio di oliva e curcuma. Poi una birretta  analcolica. Se poi avrò fame a merenda ho i miei biscottini di riso fatti in casa e tutto l’occorrente per cappuccino o altro. 

   

Il pranzo dell’artista

Un grandissimo wok con carciofi, finocchi e melanzana  saltati con olio evo, sale alle erbe e curcuma.
Pane cotto a legna a lievitazione naturale.

Vino Negroamaro del Salento.

Il computer per guardare la mia fiction portoghese “Os nossos Dias”

E l’aria di primavera.